domenica 21 dicembre 2008

Vacanze di Natale

Il mio capo venerdì mi chiama fuori dall'ufficio con aria austera e mi dice:
Io e Andrea (il mio Area Manager) abbiamo deciso di regalarti 2 giorni di ferie non previsti dal tuo contratto, il 29 e il 30, così ti fai una settimana a casa poi torni il 31 mattina e dopo te ne vai a casa, perchè hai lavorato bene e siamo contenti di te,così hai 2 giorni in più per sistemare tutte le tue cose.
Devo dire che per la prima volta mi sono comosso, ben 2 giorni di ferie perchè ho LAVORATO BENE mi è sembrato incredibile.
E ora con 2 giorni liberi posso finalmente realizzare il mio sogno segreto: anche io come i più grandi bancari vado in Thailandia a trombare le minorenni!!!
No dai forse non è il caso: troverò un troione con cui rinchiudermi in un albergo e fare fuoco per 2 giorni...ah già! IO NON SONO UN BANCARIO (e si noti bene non lo sarò mai)E NON C'HO UNA LIRA PER PAGARMI L'ABERGO! Lo vedo già come andranno a finire sti giorni:i il 29 chiamo disperato Simone per sapere se posso tornare a lavorare!
Ho già allertato i parenti: se faccio una cosa del genere tagliatemi la lingua! Loro mi hanno giurato che lo faranno (volentieri).
Finendo con la facile ironia, e non credevo che l'avrei mai detto, mi licenzieranno o me ne andrò io, ora non so bene, bisogna vedere chi è il più veloce, ma questa è stata una grossa soddisfazione (avrei voluto chiamare la mamma!)

martedì 16 dicembre 2008

Ad Majora

Ecco in sintesi il pensiero della Chiesa riguardo alla proposta ONU di depenalizzare nel mondo il reato di omosessualità: non si depenalizzi perché così facendo gli stati in cui è reato diventeranno oggetto di pressione da parte degli stati più progressisti e i gay saranno ancora più discriminati. Non dovrebbe stupirci questo tentativo di retorica carpiata (ovvero apriamo la bocca e diamo fiato) ma farci incazzare! In sisntesi: non cerchiamo di evitare le discriminazioni contro i gay perché cos’ facendo li discrimineranno ancora di più! Ma cosa si crede ‘sta gente? Che siamo scemi? (evidentemente SI! E perciò lascio ai lettori ogni altra considerazione tanto sarebbero parole sprecate)

Ma subito a ruota una novità: nuovo tentativo di opposizione all’introduzione della pillola antiabortiva Ru486 all’interno degli ospedali.

Questa è una telenovela che va avanti dagli anni 90 e ancora oggi (ormai nel 2009!), pur se vicini all’introduzione del farmaco, non abbiamo la certezza che questa pillola potrà essere data alle pazienti negli ospedali perché “la pillola abortiva banalizza l’aborto”, come ha detto Eugenia Rocella[1], sottosegretario al Welfare, pasionaria pro-life filoguidata dal Vaticano, ben sostenuta da Javier Lozano Barragan, ovvero l’ex portavoce del “Family day” e ora ministro della salute del Vaticano (praticamente una guida spirituale per stregoni visto che i medici per la santa sede non dovrebbero affidarsi alla scienza ma alla preghiera). Loro e i loro sostenitori si batteranno fino all’ultimo conto la modernità. Chiaramente nel resto del continente la pillola è già utilizzata e se da noi, finalmente e solo dai primi mesi del 2009, la pillola potrà essere commercializzata negli ospedali, beh, abbiamo comunque un ritardo di 20 anni rispetto alla Francia e l’Inghilterra e 10 rispetto agli altri paesi europei e agli Stati Uniti.

Insomma come recitava una maglietta che avrei tanto voluto comprare: “GRAZIE A DIO SONO ATEO!”.



[1][Fonte “Il Manifesto” del 16712/2008

martedì 9 dicembre 2008

Udite Udite gente

Ci sono giorni strani, quando la più piccola cosa ti fa sorridere e ti fa contento.

Come ogni giorno io e il mio capo ci troviamo soli a fare due chiacchiere mentre fumiamo. Da qualche tempo (lunedì scorso) il mio capo mi fa sempre un sacco di complimenti per come sto affrontando la situazione critica dei tagli al personale.

In questo periodo di dura crisi economica con aziende che chiudono o tagliano il personale tutti sono a rischio. Lunedì scorso, ad esempio, è arrivata la notizia che ricollocano (tagliano) il personale. Una mia collega è a rischio ricollocamento e, soprattutto, come mi ha detto il mio capo, la mia la testa è quella che rischia più delle altre. Anche oggi ci siamo messi fuori a parlare di tagli e di rischi ricollocamento, di voci di corridoio. Alla fine mi ha detto “mi piace come stai affrontando la tua situazione, con molta maturità, carico e sorridente”. Mi sarebbe piaciuto che la mia mamma e il mio babbo fossero stati lì ad ascoltarlo (non c’è mai un registratore quando serve!). Poi, dopo, ho pensato meglio, “capo non sono maturo, sono incosciente, anzi non me ne frega un cazzo!”. È facile fare il furbo e ridere quando a te ti frega del tuo futuro meno che dell’unghia incarnita di un cinghiale che passa a venti km da te, visto che a me non importa né dove andrò né quando ci arriverò. Son buoni tutti a fare i furbi al mio posto (ovvero son tutti froci col culo degli altri). Io non ho legami, mutui o figli e il lavoro mi fa schifo. Sarebbe più facile dire che sono maturo, in realtà non capisco un cazzo.

Cavolo, quelle poche volte che mi fanno i complimenti sono immeritati … mondaccio cane (senza offesa per il cane)!

martedì 2 dicembre 2008

Fine di un’epoca.

Ieri sera si è chiuso un ciclo.

Non mi piace parlare scrivere di queste cose sul mio blog ma mi sento di farlo e lo faccio, e poi, tendendo conto del fatto che nessuno lo legge mai … è quasi come se non lo avessi fatto.

Nonostante tutto non sto nemmeno tanto male, se mi fosse passato sopra un treno sarei stato peggio ecco! Una sola cosa mi fa tristezza, pensare di aver avuto una cosa in comune e ora avere due idee divise e diverse, che vanno da due parti che, con ogni probabilità, non si incontreranno mai più. Da oggi sarà davvero solo come “il calore di fiamma lontana”. Non mi pento di quanto fatto, credo che lo rifarei, come molte cose che ho fatto in tutta la mia vita. Mi sono pentito di poche cose e quanto ho vissuto fino a ieri non sarà mai una di quelle, anzi, la ricorderò per anni come la mia unica felicità, il mio ricordo più grande e più bello.

Come avrebbe detto Turk (di Scrubs) da oggi “non è peggio, è diverso, e diverso non sempre è peggio, è solo diverso!”

Mi stupisco solo che tutte le volte che la mia vita è cambiata per me è stata una sofferenza o una sorpresa dolorosa, ora no! Me l’aspettavo (magari non del tutto, magari non proprio per quel motivo specifico ma me l’aspettavo, ero pronto, una volta tanto) e condivido. Non soffro (più di tanto), cerco di fare la mia vita, ogni giorno faccio un passo, la sera traccio un cerchio che segna il confine, il giorno dopo lo supero, la sera ritraccio il cerchio, il giorno dopo lo supero ancora, la sera riritraccio e così via, verso una vita normale. Con i miei tempi, come piace a me, ogni tanto torno indietro, molto più spesso sto fermo, mi accontento, un passo è già tanto. Oggi ad esempio ho guardato il cielo e poi i monti innevati e sono stato lì in pace, come se intorno a me non ci fosse più nulla. È bello sapere che il mondo mi gira intorno in maniera vorticosa e io lo guardo, ascolto la voce del vento, guardo il blu del cielo dopo la tempesta e penso che c’è un posto che si chiama casa dove trovo sempre qualcuno che mi vuole bene.

Mi sento bene, sono in pace, ho un equilibrio fragile che rischia ogni giorno di fare creek (come Davson), ma io vivo tranquillo, quando fa crick io ricomincio, ogni giorno un passo. Il bello è che lo faccio perché lo voglio fare, lo faccio per me, se non ne ho voglia non lo faccio, vivo così perché questa è la vita che voglio e non perché qualcuno mi costringe a vivere. Scelgo io quello che faccio, lo faccio come e quando voglio, e questo mi fa stare un po’ meglio. Mi fa stare peggio non poterla più condividere ma passerà, metterò in pratica il piano B, un giorno aprirò le braccia e sarò felice (sento già le sirene delle ambulanze del Cim che arrivano), ma a piccoli passi, come piace a me!

È un discorso un po’ sconclusionato, da pazzo, ma a me piace.

Buona notte, a tutti.

Con affetto, a chi mi ha capito e a chi non mi capirà mai.

CeFM

sabato 29 novembre 2008

La Forza di gravità

Io credo nella forza di gravità

A Genova due ragazzi: uno con la divisa e uno con la maglietta, uno con la pistola e uno con l’estintore. Uno sparo e il ragazzo con la maglietta cade, colpa della forza di gravità.
A Milano in questura l’anarchico Pinelli cade dalla finestra, colpa della forza di gravità.
A Ustica un aereo cade nel mare, i resti sparpagliati per tutto il Mediterraneo, colpa della forza di gravità.
Direte che sono un superficiale ma io ci credo alla forza di gravità perché ho provato a tirare una moneta per aria e per un momento l’ho vista fermarsi a mezz’aria … e allora il ragazzo di Genova era in piedi, Pinelli era vivo e l’aereo volava, ma poi la moneta è caduta perché c’è la forza di gravità. E io alla forza di gravità ci credo, perché altrimenti dopo la sentenza di Genova di giovedì scorso eravamo tutti in piazza.

(citando molto a braccio Ascanio Celestini)

martedì 25 novembre 2008

Sandro


Il 22 novembre si è spento Sandro Curzi (nella foto a destra con Fausto Bertinotti), un grande giornalista, un "militante dell'informazione", ma soprattutto un grande comunista. Tra le altre cose nella sua carriera è stato il miglior direttore di Liberazione.
Vorrei salutarlo, anche se forse non può più sentirmi.
Grazie Sandro e ciao.
Spero che da sabato anche il paradiso sia un po' più rosso.
Con affetto
Alessio

mercoledì 12 novembre 2008

Chistracazzosenefotte news


Ecco un estratto delle dichiarazioni di Elisabetta Canalis raccolte da libero.it dopo la fine della sua storia con il calciatore del Parma Reginaldo:
"Elisabetta, tornata single, pensa al lavoro: "E' ora di fare progetti seri. Ho ottenuto il visto per lavorare negli States. Da un pezzo che cercavo di averlo. Sono pronta. Parto per l' America di Obama. Da sempre sono convinta che gli Stati Uniti siano avanti, queste elezioni lo dimostrano".
Conclude confessando le sue preferenza in fatto di uomini: "Esteticamente mi piacciono i neri. Spesso li trovo più sexy. E, quando vedo una coppia mista, mi ci riconosco molto. Ma non sopporto le battutine a sfondo sessuale. Uomo nero uguale stallone. Quello è uno stereotipo da razzisti"."
Beh le battute a sfondo sessuale non le piaceranno ma si capisce bene che, col cervello che si ritrova, la ner...il ca...l'organo riproduttivo maschile è il suo unico interesse.

martedì 11 novembre 2008

Libri

Mi sarebbe piaciuto commentare un nuovo libro in questi mesi, da quando ho lanciato l'idea, molti secoli fa.
Ne sto giusto leggendo uno e, se un giorno lo finirò, beh, magari ve lo commenterò.
Intanto vi lancio una sfida (un consiglio): cercate qualcosa sulla vita di Simon Wiesental, il più grande cacciatore di nazisti del mondo. Da poco è morto e io ho iniziato, poco prima della sua, spero serena, dipartita a leggerne la biografia (avrò portato sfiga).
Non ve la consiglio perchè non l'ho ancora terminata ma se volete sapere qualcosa su di lui beh cercate e leggete un suo vecchio libro: "Giustizia non vendetta". Come dicevo è un libro che ha i suoi annetti quindi si trova facilmente usato e comunque costa veramente poco ma merita di essere preso in considerazione.
Sappiatemi dire

Consigli (ma non per gli acquisti)

Se avete una mente semplice (vi piace mangiare, cagare, trombare e dormire), se credete che la vostra vita faccia schifo, se vi sembra che tutto vi remi contro, la sera fate come me:
ANDATE SU YUO PORN e la vita vi sorriderà!
(attenzione questo post potrebbe essere poco accettato da fidanzate e bacchettoni\e e soprattutto NON è una pubblicità ingannevole come quella dei telefonini)
CFM

giovedì 6 novembre 2008

DISDICEVOLE n°5

Berlusconi: "Obama bello e abbronzato"!E nell'epoca multimediale la gaffe in un secondo fa il giro del mondo!Qualcuno del suoi fedeli leccaculo dovrebbe spiegargli che non è "abbronzato",è neGro, come quelli che i suoi neri (si, ma perchè fascisti) colleghi, con l'avallo del KKK, vogliono segregare!Del resto essendo al governo con fascisti e nazisti per lui è inconcepibile che nel più grande paese del mondo vinca le elezioni un neGro (pure ricco). Thank you Mr President!Ci regali sempre un valido motivo per sentirci ghaanesi!

mercoledì 22 ottobre 2008

Felicità!

Tutte le mattine sono estremamente dure: entri in ufficio e come il leone e la gazzella che sanno che dovranno correre, anche tu sai che sarà inevitabilmente una giornata di merda!I mieicolleghi, però, mi dicono che DEVO SORRIDERE,essere felice e "bello carico" e io tutte le mattine, soprattutto dopo che me lo hanno detto, mi sento sempre più depresso.
Ho sempre creduto che la risata fosse collegata, come minimo, alla contentezza! No, adesso ho scoperto devo essere felice perchè DEVO esserlo! Io credo di riuscire, con calma, a passare sopra a tutto: agli amici che, in ordine sparso, ti chiamano ebreo,strozzino,cravattaro,usuraio, ecc ecc (ora iniziano anche i miei genitori, sigh!), al fatto che devo alzarmi tutte le mattine,sciroccarmi un paio d'ore di viaggio, la coda, a entrare in ufficio e sentirmi rognare per tutto, a fare un lavoro di merda, a prendere la povera gente per il collo, a parlare con i dementi,a portare giacca e cravatta,al calzino scuro, tutto insomma ma almeno NESSUNO MI CHIEDA DI RIDERE! Quello proprio non riesco a farlo, non mi viene dal cuore!
La morale di questa storia è che non importa che tu sia leone o gazzella, quello che conta è che devi riDere (anche se hai corso e puzzi di marcio come il peggiore dei caproni).

giovedì 16 ottobre 2008

Disdicevole

Berlusconi ha definito Bush un grande statista.
Prima del "più grande presidente del più grande paese del mondo" questo onore era toccato,nell'ordine, a Mussolini e a Craxi. A parte il discutibile gusto del più piccolo dei grandi beh,
Craxi è MORTO esule e indagato a Hammameth,
Mussolini è MORTO, pure impiccato,
se fossi in Georgetto io una toccatina me la darei visto che ha già rischiato di uccidersi una volta con dei salatini!

mercoledì 15 ottobre 2008

è già mattina

Eccoci puntuali all'inizio di un nuovi giorno (di merda),che ci porterà a fare un lavoro (di merda)
nella valle della...merda!

giovedì 9 ottobre 2008

La teoria del colpo di Stato

Come mettere in pratica un colpo di Stato:
1-si mobilita qualche gruppo armato che sia paramilitare o ufficiale (esercito,marina,carabinieri)- La prima brillante uscita di la Russa è stata quella di mandare i soldati per le strade per proteggere i cittadini dai criminali (quali?);
2-si occupano Parlamento e Ministeri-e io continuo a chiedermi perchè gente come La Russa, Schifani, la Carfagna, Brunetta o Al Tappone debba ricoprire cariche istituzionali;
3-ci si impossessa dei mezzi di comunicazione - e anche qui ci siamo,già da anni,tanto che gli italiani sono diventati un gruppo di lobotomizzati craniolesi;
4-si annientano i centri di cultura\pensiero alternativo-e con l'ultima legge sull'università, su cui un giorno farò dei commenti, abbiamo chiuso il conto anche con quelli.
Ma se queste sono le basi per un colpo di Stato ben riuscito noi siamo quanto ci siamo vicini? MOLTO!

mercoledì 8 ottobre 2008

Aggiornamento

E' da un po' che trascuro questo parto delle mie meningi (il blog) e quindi ora lancio una carrellata di belle notizie:
-la Carfagna (e avrei già detto tutto) lancia un ddl contro la prostituzione che prevede pene pecuniarie e carcere duro per puttane che si prostituisconio per strada e puttanieri. Se contro i secondi potrei anche essere d'accordo beh, ecco, per le prime proprio no!Loro mica lo fanno per scelta,almeno credo!Lo fanno perchè costrette,perchè vengono portate sulle strade con l'inganno e per tutti motivi che sono arcinoti. Chiaramente il nostro illuminato ministro mica se l'è presa con quelli che portano avanti questa orrenda tratta delle bianche (e delle neGre),no se l'è presa con le ultime e le più sfigate della terra. Detto poi che se, per l'unta del signore è reato prostituirsi per strada no lo è farlo in casa.Perchè?Perchè quelle che battono al chiuso noi non le vediamo (come uno che caga nel cesso di casa sua al quinto piano:in strada mica si sente la puzza e allora va bene a tutti!) e non possono disturbare la quiete e la morale pubblica. Ora,queste considerazioni sono tutto sommato scontate ma veniamo alla più ovvia di tutte: prostitursi per strada è reato, prostituirsi per diventare ministro invece no???
-la Russa (scusate il termine) ha dichiarato, più o meno, di sentirsi "vicino a quelli che hanno combaattuto con l'uniforme della Nembo o della repubblica di Salò, perchè, soggettivamente e dal loro punto di vista, credevano di difendere gli ideali della patria". Un po' come Hitler, che ha fatto gassare 6(sei) milioni di ebrei, perchè soggettivamente e dal suo punto di vista, credeva di agire per il bene della Germania. Ma allora anche Mengele credeva di agire in difesa del giuramento di ippocrate. Ma perchè non ha speso 2 parole 2 in difesa di tutti quei brigatisti che, soggettivamente e dal loro punto di vista, hanno lottatto per gli ideali di ugaglianza e libertà?Perchè è La Russa. Quello che mi chiedo è perchè napolitano,invece di prendere le ditanze non gli abbia rifilato un bel calcio nelle palle, così, per vedere se, soggettivamente e dal suo punto di vista fosse sriuscito a fargliele uscire dalla bocca? Certe domande non troveranno mai risposta credo.
-i vigili di Parma picchiano a sangue un neGro. Non ci sono commenti,conosciamo tutti il QI delle nostre forze dell'ordine, solo che anche questo è uno dei tanti, piccoli ma continui passi verso una subdola dittatura fascista e uno stato di polizia (che picchia solo gli emarginati e i dissidenti ma non i premier o gli evasori,perchè non sono coraggiosi ma solo un branco di codardi). E poi perchè gli italiani non sono razzisti, non lo sono mai stati, ce l'hanno solo con i diversi, ma solo percè non gli stanno simpatici!
-Veltroni interviene nelle trattavie per la vendita di Alitalia. Perchè? Non ha ftto un cazzo di niente per dei mesi e poi quando si sveglia? A primavera? No! Quando l'Alitalia viene venduta a un gruppo di speculatori! Ma che cazzo di opposizione fa sto cretino? No davvero io a Veltroni gli voglio bene come se fosse normale ma perchè si è mosso per dare la compagnia di bandiera in mano a un gruppo giudato da Colaninno (glom) che come prima operazione prevedeva di dividere la compagnia in 2:quella sana, da tenersi e far fruttare, e quella con i debiti, da lasciare in mano allo stato,cioè ai contribuenti, cioè a noi!Grande piano!Lo sapevo fare anche io!e non sono nemmeno un esperto!Ma il leader di un partito di sinistra (scusate il termine) non potrebbe fare di meglio??Chessò offrire a questa parte del gotha della finanza italiana un bel biglietto, ma di sola andata, per la Siberia come avrebbe fatto Sepp (Stalin, intendo,perchè almeno lui era di sinistra)?

martedì 30 settembre 2008

Zibaldone

Mi piacerebbe ripetere a mio figlio una filastrocca interessante, quella che raccontano tutti: il babbo ha sempre ragione!Beh mi viene spontaneo dire che non è vero per alcuni motivi, primo fra tutti che non ho un figlio. Poi perchè ho sempre creduto che non fosse tanto importante che il tuo lavoro ti piacesse. Oggi (ma già dopo 2 giorni) ho bello che cambiato idea.
Faccio un lavoro di merda ed è tutta colpa MIA!Potevo vedere di trovare di un sacco di lavori, dalle ong al pulitore specializzato di cessi ma io no, o duro!, ho voluto andare in banca. Cosi mi sono fatto assumere da una pseudo banca, in realtà una finanziaria, e ogni giorno mi sputerei in faccia. Ho veramente a che fare con le persone più povere, sfigate e sconfortanti del mondo! Quelli che non arrivano a fine mese perchè non ce la fanno con i soldi, quelli che non ci arrivano perchè fanno i debiti (con noi!), quelli che non si lavano (e poi, dopo, devi dare il deodorante se no chiedi te un prestito, ma d'ossigeno!), quelli che (e giuro è vero) fanno il prestito perchè, nonostante pesino 1000tonnellate (sul peso ho esagerato ma era come moby dick) e alle tenera età di 46 anni vivano ancora, da single, con i genitori, vengono a chiederti un prestito per ripagarsi la vacanza a Santo Domingo (a trombare e poi te lo raccontano pure, lì in mezzo all'ufficio)!
E poi, per indorare la pillola, il mio capo, dopo che entraP ogni genere di fenomeno da baraccone mi dice: "questi sono i nostri migliori clienti, quelli che ci danno il pane". Ecco, io al mio capo gli volgio bene, come se fosse normale intendo, ma io NON VOGLIO VIVERE FACENDO IL CRAVATTARO, ho un codice morale: non me ne frega un cazzo di dare soldi a dei dementi patentati e di non darne a chi ne ha davvero bisogno (dopo che il capo mi ha detto si rifiutava un prestito a un povero, nel vero senso della parola, vecchio non ho dormito tutta la notte) e comunque non me ne frega un cazzo del budget, del telemarketing, della doppia a di rating della nostra filiale, come solo 3 in tutta Italia,!Io strozzo la gente (in alternativa vendere a un tasso circa del 12,5%è RUBARE!) ma non solo, strozzo la povera gente, quelli che in banca, forse giustamente, allo stesso tasso non gli danno manco un calcio nel culo!Questo è quello che conta veramente.Direi che posso vivere nel disinteresse, o nella vergonga, ma proprio NON POSSO MOSTRARE MOTIVAZIONE E FELICITà come mi chiedono tutti i giorni. Posso fare un sacco di altre cose: ballare nudo sui tavoli, ruttare controvento, pisciare su un autobus, sputarmi in faccia la mattina quando mi alzo, cambiare lavoro(E l'ultima poi la farò sicuramente!) ma non posso essere felice e contento del mio lavoro, questo proprio no!
La morale di questa triste storia è: non inseguite gloria e carriera, non cercate soddisfazione nel lavoro, fate del vostro meglio ma fate anche in modo di andare a dormire sereni e in pace con voi stessi la sera e il giorno dopo guardatevi in faccia:il risultato sarà migliore. Io la mattina, invece, mi guardo in faccia e penso che faccio schifo. Beh me ne son fatto una ragione: prendo questi 6 mesi come un'espiazione della mia stupidità, per non aver capito fin da subito che cazzo sarei andato a fare.

mercoledì 24 settembre 2008

DISDICEVOLE n°4

Indovinello: come si chiama il commissario straordinario di Alitalia? Fantozzi! (Pensa te in che mani siamo anzi...sono!)
Le battutte di spirito vengono gentilmente offerte dai nostri governi (questo in particolare) e senza sforzi di intelletto!Per fortuna (o purtroppo!)

domenica 21 settembre 2008

Sempre assieme a Voi

Si inizia il secondo (voglio morire) lunedì di lavoro. Bevo un caffè e scrivo e ai ben pochi lettori di questo blog. Dopo appena una settimana di lavoro sembro già un vecchio di 60anni, roso dall'ira, che odia quello che fa, scatarra e litiga con chiunque gli si pari davanti. Non so se mi migliorerà mai, non credo, ma è iniziata una profonda rivisitazione di me stesso che mi porterà in breve a pubblicare la mia ultima (benchè unica) opera: Alessio Biancardi, Zibaldone (pensieri sparsi su un lavoro di merda e su come nella vita solo i fessi non cambiano idea). Prossimamente su Cattiverie e Futili Motivi!

mercoledì 17 settembre 2008

Lavoro

Sono solo 3 giorni ma: cazzo com'è dura lavorare!!!Che palle, rimpiango già io bei tempi a fare un cazzo e odio già tutti!!!!!no dai i colleghi sono simpatici (ma li ucciderò presto o tardi!)

giovedì 11 settembre 2008

Video divertenti

No, nemmeno io posso stare sempre a incazzarmi e sminciare i maroni ai (pochi) lettori di questo blog quindi ecco una serie di viedo divertenti (e non):
.















Nooo! Povero Benny, c'è rimansto oFFeso!


La notizia qui sotto riportata per me è sconvolgente (magari non per tutti, non saprei!). Vorrei tanto fare alcuni commenti ma non me ne vengono di particolarmente intelligenti. Sono rimasto solamente e stranamente deluso dall'apprendere che il concordato equipara il Papa al Presidente della Repubblica. Non è bastato riallacciare i rapporti attraverso pagamento in denaro (quello delle tasche dei contribuenti...cazzo ne fregava al duVe in fondo? ), concedere l'extraterritorialità alle chiese e ai possedimenti del Vaticano (il che vuol dire anche non pagare l'ICI, per esempio), non sono bastati tutti i privilegi concessi: ora scopro, a 26 anni, che IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA è EQUIPARABILE AL PAPA. Cavolo ma sono 2 cose BEN diverse o no? Ma chi dei due deve sentirsi sminuito? Soprattutto, siamo sicuri che il concordato sia stato un bene?(e non solo perchè l'ha fatto il duce!)


Sabina Guzzanti indagata
La Procura ha chiesto l’autorizzazione a procedere contro l’attrice per le offese fatte a Papa Benedetto XVI in occasione della manifestazione del "No Cav Day". Dov'è finito il diritto di satira?
Nuova sconfitta per la satira. Ne sa qualcosa Sabina Guzzanti che ora è inquisita per vilipendio nei confronti della persona del Pontefice. La procura di Roma ha chiesto al ministro della Giustizia l'autorizzazione a procedere per le frasi pronunciate contro Benedetto XVI nel corso della manifestazione "No Cav Day" tenutasi a piazza Navona l'8 luglio scorso. L’offesa al Papa è punibile allo stesso modo dell’offesa al Presidente della Repubblica. È quanto prevede il Trattato Lateranense, firmato nel febbraio del 1929 dal Segretario di Stato Vaticano, Cardinale Pietro Gasparri, e dal Capo del Governo Italiano Benito Mussolini. "Siamo al medioevo intergale", ha commentato Paolo Guzzanti, deputato del Pdl e padre dell’attrice. Guzzanti. Le parole non proprio tenere pronunciate dalla Guzzanti nei confronti del ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna non avranno seguito. Ad ora non è giunta nessuna querela da parte della Carfagna.

Le parole pronunciate dalla Guzzanti durante la manifestazione sono state ritenute grevi e volgari. Ma prima di procedere nei suoi confronti bisogna chiedere il via libera del Guardasigilli nel caso di vilipendio nei confronti del Papa, equiparato al capo dello Stato. Ma se per la Guzzanti le cose non si mettono proprio bene, Beppe Grillo invece può continuare a sorridere e far sorridere: il suo intervento sul presidente della Repubblica è stato archiviato. Le sue esternazioni sono state ritenute come manifestazioni del diritto di critica e di satira, previsto dall’articolo 21 della Costituzione. Inoltre, Grillo non ha utilizzato espressioni volgari nel suo intervento. (Fonte: Libero News)

mercoledì 10 settembre 2008

DISDICEVOLE n°3

Barzelletta della sera:
Sapete come si chiama il commissario straordinario di Alitalia? ...
Fantozzi! risate assicurate (sigh!).
(Anche questa non è una battuta di questa rubrica, si chiama davvero così!Beh il mondo ha un altro motivo in più per ridere di noi itaGliani!)

Italiaaaa PRRRR!

E come al solito, inevitabilmente, guardando Italia 1 non si perde l’occasione di incontrare quei cretini che facendo anche faccette buffe (??) urlano in tv italia unooooo!

E ma un bella reunion di tutte quelle facce di cazzo dentro la gabbia di un elefante rimpinzato di viagra no?

martedì 9 settembre 2008

Bandabardò


Questo bel sabato sera (il 6 settembre) me ne sono andato con la mia lei di sempre al concerto della Bandabardò alla festa del Partito Democratico (mica tanto simpatico). Voglio spendere subito parole piene di rancore contro l’organizzazione della festa. Mi sfogo ora poi non lo faccio più per il resto del post. Io e la mia lei arriviamo a Ospedaletto (Pi) alle 8.10. Già arrivando incontriamo la fila per entrare e io leggo un bel cartello: per parcheggiare si paga un euro e cinquanta (1.50!). Va beh ci se ne fa una ragione, non è molto in fondo. È stato il contorno che mi ha fatto incazzare! Arrivando a 10 metri dal parcheggio un grassone (io non sono magro ma lui era molto peggio di me!) con un fischietto mi fa gesti e mi urla “aooooo! E di qua, alloraaaa!!!” e si è messo a fischiarmi con il suo fischietto del cazzo. Io (piccato) passo davanti a 20 mt di fila e il grassone, mentre gli sfilo a fianco, parlando con altri, ha detto (leggi urlato!): “oh ma questi son veramente duri!! Ma proprio duri, duri, duri!”. Non sono sceso perché sono educato ma lo stimolo è stato quello di andare là e fargli sentire quanto sono duro con una testata sul naso! Arrivo alla cassa e velenoso dico alla signorina: “sarà meglio che mi muova se no quello mi fischia di nuovo!. Lei mi guarda in cagnesco e io me ne vado soddisfatto. Il parcheggio da 1,50 euro è un prato (oddio, prato è un parolone) polveroso e puzzoso (belle merde a farlo pure pagare!).

Sistemato il mio secondo amore entro alla festa con il primo amore. Bella la festa, si mangia tanto e si discute poco (Pd style!). C’è fila ovunque, ce n’è veramente tanta, di fila! Io e lei andiamo a vedere il posto del concerto e scopriamo, nell’ordine: il prezzo del biglietto è 12 euro, non 17 (diciassette!!), cioè quanto io ne ho pagati uno. A conti fatti sono dieci (10) euro di prevendita, in due, buttati nel cesso! Seconda bella notizia: il concerto inizia alle 22 (e poi e poi) non alle 21 come scritto sul biglietto (pagato 17 euro, non so se l’ho detto!). E allora c’è una bella notizia si può mangiare. E via verso la pizzeria, “silenziosi e letali”! Ci si schiocca subito una bella oretta di fila (SOLO) per fare l’ordine. E, nel mentre, si son fatte le 9.30. Il m io ordine è il 159 e stavano consegnando si e no il n°90. Alle dieci meno cinque (altri venti minuti di fila nel pieno del casino) riesco a prendere una birra e una coca cola(!). Nella fila mi godo gente che sclera, urla e io riesco anche a litigare con una bionda[1] che mi rompe i coglioni perché sono riuscito a dare il mio foglietto prima di lei. Un altro cretino si mette a urlare che lui ha fatto 700 km per il concerto e rischia di non vederlo per una birra[2]. Nonostante tutto, comunque, mi danno da bere. Le pizze però non arrivano (dopo un’ora e mezzo mancano ancora 30 numeri) così mi faccio dare il rimborso e vado al concerto senza mangiare (cazzo!) perché si son fatte le dieci e un quarto.

Per concludere questo lungo spazio lamento: per uscire (leggi fare 30 mt) dal parcheggio ci metto mezz’ora! Per farti pagare son veloci, mettono anche un grassone sudatone e dirigere il traffico ma quando hai pagato, anche se poco, per uscire, puoi anche morire che a loro ne frega un cazzo (PD style anche nelle piccole cose!).

Ora parliamo del concerto(yuppiii!)! La Bandabardò è stata fantastica, come al solito! Io li amo dal profondo del cuore. È stato bello essere di nuovo in mezzo a un’orda di unni festanti che ballano e cantano a squarcia gola. Il cantante ha un’energia incredibile, come tutto il gruppo visto che si sono fatti le prime 6 canzoni senza nemmeno una piccola pausa, tutte le più belle una dietro l’altra! E poi tutti a ballare, saltare, cantare senza fermarsi mai, scatenandosi senza tutti i freni inibitori che normalmente circondano le vite di tutti. Una sola cosa mi ha fatto invidia: una coppia di sposati ha invitato la banda al matrimonio, loro non sono potuti andare perciò si sono portati la montagna al concerto: hanno invitato tutti regalando loro (ben!) 50 biglietti![3]

Detto anche dell’invidia delle fortune altrui beh, è stata davvero una serata folle, incredibile! Dopo quella che avrebbe dovuto essere l’ultima canzone (BeppeAnna) hanno concesso il bis, hanno rifatto tre (3!) canzoni. Poi ci hanno salutato, ma hanno scoperto che “c’è ancora tempo” e ne hanno fatte ben altre due! Qualche cretino[4] è uscito e gli ormai pochi superstiti (tra cui io e la mia SUPER lei), devastati da due ore e un quarto di concerto, hanno tirato fuori le ultime energie, pure vocali, e continuato a cantare fino alla fine! Beh mi sono proprio divertito e giuro che ce anche al prossimo tour non mancherò! Grazie B.B. vi amo dal profondo del Quore!



[1] È noto che le bionde hanno l’attaccatura dei capelli molto bassa…dentro al cervello e ciò gli impedisce di diventare intelligenti!

[2] Lui non leggera mai questo blog ma se succedesse sappia che: a me se hai fatto 700 km NON ME NE FREGA UN BENEAMATO CAZZO! Io ho fatto la mia fila come te e non ho rotto i coglioni a nessuno, tanto meno a te, quindi se sei un cafone stai a casa tua così risparmi e non rompi i coglioni alle persone civili! Poi: io di km per vedere il concerto ne ho fatti 100, questo non vuol dire che ho meno diritto di te di bere mangiare e, pure, vedere il concerto! In conclusione vai in culo (portando 6)!

[3] E che culo!

[4] A proposito di cretini: sarà uscito sicuramente anche quello dei 700 km e della sua cazzo di birra, che magari gli ha fatto pure male!


giovedì 4 settembre 2008

DISDICEVOLE

La Russa invoca la tolleranza zero contro i tifosi violenti: dopo il divieto di fare alcune trasferte gli faremo tò tò sul sederino...ma senza esagerare, in fondo sono i nostri migliori elettori!
(N.B. io volevo fare una battutta, sia chiaro, ma La Russa dopo aver dichiarato, ieri (!) tolleranza zero contro il tifo violento oggi ha dichiarato, o meglio ha fatto retromarcia: "c'è stata troppa tolleranza, io non voglio criminalizzare le curve dove otto ragazzi su dieci sono agitati ma recuperabili, però non ho dubbi che bisogna usare tolleranza zero per episodi come quelli di domenica". (da Repubblica) )

mercoledì 3 settembre 2008

E son soddisfazioni!

Non ho mai rimpianto molto delle esperienze della mia infanzia. Non ho quasi mai provato la sensazione di dover dire "avrei tanto voluto farlo ma non ho mai avuto l'occasione (cazzo - tra le righe-)!"
Beh una cosa c'era ma non l'avevo mai confessata a nessuno perchè non trovavo il coraggio di ammettere che non ne avevo mai avuto l'occasione. Poi, finalmente, questa ultima estate il mio desiderio nascosto si è realizzato: una foto del mio CULO!

Ho sempre rimpianto di avere un gruppo di cazzoni con cui fare, tra le altre cazzate, foto a sorpresa dei culi degli amici!
Beh grazie amico che mi ha permesso di realizzare questo SOGNO PROIBITO!

giovedì 28 agosto 2008

Incomprensioni

Premessa: un giorno, quando negli uffici dell’Università si saranno decisi a capire qualcosa, inizierò un tirocinio presso la Santander Consumer Bank. Questo tirocinio dovrebbe essere cofinanziato dallo Stato tramite l’Università di Pisa (da ora unipi) meglio, tramite l’ufficio che gestisce il nuovo, grande, imponente, progetto fixo per i neolaureati! Per aderire al progetto è necessario che vi si iscrivano le aziende e i neolaureati affinché questi ultimi percepiscano (ben!) 200 euro in più al mese. Io e la Santander abbiamo fatto quello che ci hanno chiesto e lo abbiamo spiegato ai vari uffici dell’unipi (il fixo e quello dei tirocini) ma nei predetti uffici nessuno ci ha ancora capito un cazzo (lungo come quello di un negro, mica una fava stiappona dunque) di niente e quindi continuano a chiamare e dare informazioni diverse (e del cazzo).

I fatti:

Ieri (27 agosto) alle ore 12.30 circa mi chiamano dal mongolotrofUFFICO fixo dell’Università di Pisa per chiedermi (a me!) se so a che punto è la convenzione della mia azienda. Nel senso: da questo nuovo (potente) ufficio vogliono sapere se IO, un futuro povero stagista, è a conoscenza di quello che fanno nella sua futura azienda per convenzionarsi con l’università, ovvero con il LORO ufficio, per aderire al LORO progetto. Già il primo pensiero è: ma non dovreste saperlo voi? Il secondo è:ma andate a cagare! Beh non lo dico e, senza scoraggiarmi, affermo che, a quanto sapevo io, dal Santander avevano fatto tutto quanto chiesto ben prima del 15 agosto e che, poi, non sapevo altro. Loro (senza scoraggiarsi) mi chiedono se dal Santander avevano fatto la convenzione con il fixo o con l’università. Io rispondo nuovamente che non ne ho idea! A questo punto, visto che loro non brillano per intelligenza, dico che chiamo io (a mie spese chiaramente) la mia banca (a Torino!) e chiedo. Aspetto le due del pomeriggio e telefono alle R.U. del Santander. A loro spiego, in breve, quello che è successo e la (gentilissima) signorina mi dice, giustamente, che parlerà lei con quelli dell’unipi per sentire che (cazzo, anche se lei non l’ha detto apertamente!) vogliono ancora. Io rimango dunque, serenamente, in attesa che qualcuno mi mandi il progetto formativo dello stage da fare firmare a un tutor universitario.

Oggi (28 agosto) mi chiamano dall’ ufficio incompetenti al massimo livello tirocini dell’unipi per sapere se la mia azienda si è convenzionata con la mia facoltà o con l’università (la stessa domanda di ieri). Io (piccato!!) rispondo: “ma non dovreste saperlo voi? Ieri ho chiamato il Santander e mi hanno risposto che parlavano, LORO, direttamente con voi.” Lui (colto sul vivo) mi risponde che potevo anche chiederlo e che dal Santander li avevano chiamati questa mattina. Io sempre più incazzato chiedo perché non lo hanno chiesto direttamente a loro visto che si sono sentiti per telefono circa un’ora prima. Nessuna risposta solo un “poteva anche chiederlo”. Poi il supereroe mi dice che lo chiederà alla mia facoltà. Io rispondo che se chiama c’è il responsabile dei tirocini delle facoltà, con cui ho parlato lunedì. Allora lui: beh almeno a lui poteva averlo chiesto. E io (che non sapevo di doverlo chiedere) dico che non credevo dovessi farlo. Prevedendo l’obiezione consiglio di chiamare direttamente e anziché chiedere di farlo a me da Fivizzano (sempre amie spese). Lui mi dice che è ben 40 minuti che cerca di chiamare il responsabile della mia facoltà ma che non trovava nessuno. Io rispondo che non ne ho idea visto che ero a Fivizzano (casomai non lo avessi detto) ma che lunedì il responsabile era appena rientrato dalle ferie. Lui (piccato!) mi dice che invece a ECONOMIA non c’è nessuno (faccia di serpente!). (Silenzio dalla mia parte della cornetta, ancora silenzio …) “Guardi che io sono di Scienze Politiche” (Silenzio dall’altro capo del telefono! Il tipo capisce di essere un emerito CRETINO). “Ah beh - mi dice - allora chiamo là e chiudiamo questa faccenda. A risentirci!” e butta giù. Io, vagamente alterato, volevo alzare di nuovo la cornetta, chiamare, e lasciarmi andare a una serie di moccoli e insulti improponibili e irripetibili. Fatto quello buttare giù, andare a Pisa e pisciargli sulla scrivania!

Ma secondo voi non dovrebbero essere loro a sapere se la mia azienda si è o no convenzionata con loro? Che senso ha chiedermelo 2 volte dopo che io ho telefonato alla mia azienda e loro hanno telefonato all’unipi? È poi così difficile guardare il mio curriculum e vedere che sono di Scienze Politiche?

Credo che se fosse successo a qualcun altro beh mi sarei fatto una bella risata ma è successo a me e mi sono veramente incazzato!!

lunedì 25 agosto 2008

Super pompini!

Diario (in ritardo) di un viaggio a Berlino – 3

Incontri:
Girando per le strade di Berlino si possono fare strani incontri, come testimoniano le foto (precedute da brevi ma significative didascalie):
1-
L’orsetto Knutt in versione comunista (tanto amato dai lettori di Don Zauker)

2-Un padre che, con tanto amore, insegna al figlio la posizione della pecorina (garantendogli, niente meno che, un futuro da checca con il culo rotto!)

3- Uno dei leggendari PENI di MARMO che fanno felici le turiste di tutto il mondo

considerazioni

Nella mia piccola cittadina razzista, come più volte ripetuto, non arriva l'adsl quindi ho aggiornato poco volentieri il blog ma oggi finalmente posso scroccare un po' di adsl e allora via... se ne approfitta con una valanga di post preparati ma non pubblicati!

lunedì 18 agosto 2008

DISDICEVOLE, rubrica di cose fastidiose

Notizia Ansa

Silvio Berlusconi annunciando l’invio di un contingente di pace in Georgia ha affermato: “non credo sarà necessario inviare un intero corpo di spedizione, basterà la Carfagna. In quanto a corpo non la batte nessuno, quindi lei basterà!”

Il ministro, felice della bella notizia, ha affermato: “il mio motto sarà: fate l’amore (con me, tanto ho spazio), non fate la guerra!”

venerdì 15 agosto 2008

Diario (in ritardo) di un viaggio a Berlino – 2

Berlino (o La California). Berlino è una bella città, accogliente, pulita e moderna. Si presenta inoltre come una megalopoli in cui, a fianco di grandi centri commerciali e palazzi supermoderni si possono incontrare bellezze di un raro splendore artistico e testimonianze, ottimamente conservate, del passato. Le persone, infine, sono gentili, parlano benissimo inglese, ti aiutano sempre. Certo bisogna superare il primo impatto: quella linguaccia che parlano (leggi il tedesco) è un po’ dura e quindi le prime parole che dicono ti spaventano, sembra che tutti ti vogliano mandare in culo, ma passato il primo momento si capisce che i berlinesi sono davvero brave persone.

C’è un’altra cosa che mi è piaciuta: la capitale della crucconia è una città ancora parzialmente in costruzione, quindi tra un paio di anni sarà diversa da quella che ho visto io ed è bello pensare che tra qualche anno, se ne avrò l’occasione, potrò tornare nel solito posto e vedere cose nuove. È una bella sensazione.

mercoledì 13 agosto 2008

Diario (in ritardo) di un viaggio a Berlino – 1

Berlino(o Poggibonsi).

Questo è il primo giorno di una stupenda vacanza a Berlino.
Sono assieme alla mia MOROSA, lei che si definisce anticonvenzionale nel viaggiare, cioè lei non dice sempre che è come tutti gli italiani che si fiondano all’estero e non mangiano altro che pasta e/o pizza e poi, appena tornati a casa, si lamentano che fuori dell’Italia si mangia male. Bene, la viaggiatrice per eccellenza non riesce a fare a meno, alle ore 12.30, di notare una (bella) pizzeria al taglio nel centro di Berlino e, dopo lunga e tormentata crisi di coscienza, cadere in tentazione, lanciarsi dentro il negozio e prendere un bel pezzo di pizza ben guarnita con tutto il possibile (in verdura)! Fortuna che la pizza era buona!

La morale di questa storia è: l’italianità raggiunge tutti, anche i più insospettabili, anche a Berlino!

martedì 5 agosto 2008

Libri

A chi incautamente si avvicinasse a questo blog, per un chiaro e indesiderato errore, ho deciso di consigliare dei libri da leggere. Non mi spingerò a fare azzardate recensioni o commenti critici sulla trama (solo nel caso in cui ne incontrassi uno che fa veramente cagare...sono veramente una merda!)
Per primo mi sento di consigliare il libro che sto leggendo, anche se non necessita certo della mia pubblicità:
"LA CASTA", di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella. Costa 18 euro nuovo, si legge bene, in fretta e parla di come i nostri parlamentari sistemino i propri clienti e se stessi grazie a benefit di vario genere, stipendi, ecc, tutti chiaramente autoconcessi per legge; é scritto in modo chiaro e perfino ironico. Io sono a metà della lettura ma si capisce fin dalle prime righe il motivo per cui è uno dei libri più venduti dell'anno.
Buona lettura!

lunedì 4 agosto 2008

Sono le 20.18 del 3 agosto 2008. Per errore ho guardato il tg5 alla sera e… fa veramente sschifo! Raccontano solo di poveri casi umani, ora di una ragazzina portata via ai genitori (cioè padre morto,madre sospettata del suo omicio), prima di uno rinchiuso in vari manicomi criminali per 30 anni per un calcio a un agente, con annessa testimonianza di madre disperata in lacrime! Ora, a me dispiace molto per il dolore e i problemi di queste famiglie (ma saranno poi veri?) ma qualcosa di più interessante da raccontare? O almeno qualcosa di interesse generale? Queste sono cose che si raccontano in un piccolo paese, quando la gente non ha un cazzo da fare e si racconta le proprie disgrazie suscitando ora compassione ora ostilità nell’interlocutore. Insomma non sono cose da far sentire su tutto il territorio nazionale o almeno credo.

No perché

Il tg2 fa cagare tanto che è sintetico e non dice un cazzo

Studio Aperto e il tg4 ... ho già detto tutto

Il tg1 io non lo vedo (in camera mia non funziona)

L’unica cosa di decente è il tg di la 7 e, fino a poco tempo fa, credevo il tg5 fosse (fin) vedibile (mi sbaglio come tutti del resto).

Fatto questo rapido escursus cosa rimane? Leggere un libro.

sabato 2 agosto 2008

Work in progress

Dopo giorni di assenza dalla rete posso felicemente dire di avere un lavoro! Insomma sono tornato per bullarmi e fare lo spaccone... sul serio, invece mi sento felice dentro (a dispetto del nome del blog!)!

Per scritti di maggiore importanza provvederò nei prossimi giorni… spero perché dalla mia piccola cittadina razzista non arriva l’adsl e bisogna adattarsi al 56k ovvero il dinosauro che fa andare la linea del telefono. Sono scelte dovute all’alto numero di possibili utenze, ironicamente parlando. Questo ci porta a fare 2 ragionamenti:

1. Le seppur discutibili scelte di tutte le compagnie telefoniche, telecom in primis che lasciano intere zone senza un servizio ad oggi fondamentale perché non economicamente vantaggioso

2. La preparazione culturale delle persone che abitano il mio comune di fronte alle sfide del nuovo millennio: abitanti saremmo anche tanti ma quelli che sanno usare il computer saranno si e no il 2%... quelli che usano internet ancora meno … tipo flinstones per capirici!

venerdì 25 luglio 2008

Solitudine

Avete presente quando aspettate l’incontro con la vostra ragazza da una settimana e siete ingrifati come tori e la sera per addormentarvi sbattete il cazzo contro il muro per potervi sdraiare a pancia in giù?

Sarà successo a tutti credo!

Ma avete presente quando lei tutta candida, e all’oscuro dei vostri più torbidi bisogni, vi annuncia come se niente fosse che “le sono venute le mestruazioni” ? Io si, mi succede di continuo!

Avete poi presente quando sperate in una cosa talmente tanto da pensarci tutto il giorno e farvi venire mal di testa? A me è successo fino a questa mattina: credevo di avere finalmente in mano un lavoro decente e ci pensavo tutto il giorno, facevo progetti e sentivo che potevo serenamente iniziare ad affrontare il futuro. Ecco, oggi mi hanno chiamato per avvertirmi che ci sarà da affrontare ancora una sessione di test psicoattitudinali, che io sbaglio in continuo!

Sommando questa bella notizia alla precedentemente detta telefonata. Come definireste voi una giornata del genere? Io giornata di merda!

domenica 20 luglio 2008

Fratelli chimici

Attirato dagli entusiasti commenti di Daniele Caluri (http://caluri.blogspot.com/ post del 22 maggio 2008) e della mia ragazza ("sarà il concerto evento dell'estate") mi dirigo spedito come un fulmine all'Italia Wave LOVE FESTIVAL, a Livorno (dovevo sospettarlo!). Devo dire che, se si esclude lo scagotto che mi ha colpito, ero quasi entusiasta, colpito da una nuova esperienza, affascinato dalla voglia di vedere orde di Unni festanti e vecchietti smoccolanti a causa dei primi (è un mondaccio si sa).
E infatti dopo aver quasi imboccato un divieto d'accesso al contrario trovo il posto (mettere 2 cartelli del cazzo il prossimo anno?), inizio a incontrare un'orda festante e colorata di coetanei, ragazzi con bottiglie di plastica varie in mano, riempite alla meglio con alcoolici e non, vestiti nelle più disparate maniere. é stato piacevole ritrovare sensazioni di partecipazione e felicità che non provavo dall'ultimo concerto della bandabardò!
Iniziavo a credere che la mia ragazza ci avesse preso e dunque mi ero messo sereno ad aspettare il gruppo di cartello della serata: the chemical brothers.
I gruppi che accompagnavano sono stati veramente 2 maroni terribili (gli speed caravan si potevano sentire comunque) ma io, con fede eccessiva nel dio della Musica, sapevo che tutto poteva ancora migliorare, che l'attesa e i maroni sarebbero stati ripagati. Incurante del fatto che la mia metà mi avesse avvertito che era musica che poteva non piacermi, aspettavo con piacere e trepidazione.
A mezzanotte il lieto evento: tra poco suonano! Scendiamo festanti (almeno io, lei dormiva in piedi) dagli spalti e ci dirigiamo in mezzo alla folla! Iniziamo con un'ora di attesa, che dovevano sistemare gli strumenti accidenti a loro, ma all'una (e dico l'una) inizia tutto!
La prima "canzone" mi lascia di stucco: vengo colpito da un TUUUUNZZZ in pieno petto e rimango affascinato dagli effetti speciali proiettati sull'apposito megaschermo. Alla seconda canzone il tuuuunnz inizia a colpire prima le mie orecchie e poi le mie palle, ma gli effetti speciali mi distraggono e ballo, scatenato (oddio proprio scatenato non direi), assieme alla mia lei. Poi commetto il primo errore: guardo l'orologio! Sono passati solo 10minuti e devono suonare, secondo le mie stime, ancora per mezz'ora. Sento che le mie palle stanno per esplodere. Non capisco un cazzo, sono rimbambito da suoni tutti ugali, tipo techno, all'improvviso mi ricordo che in discoteca non ci vado perchè mi fa cagare e scopro così che l'ho presa in culo e che ha fatto pure male. Da quel momento sento solo un rumore sordo, forte e indistinto. Quei cornuti poi anzichè suonare solo mezz'ora come tutti i gruppi famosi, fregandosene del rispetto verso chi è andato a sentirli, suonano 1 ora e mezzo filata e tutti ballano felici. Io bestemmio con cadenza regolare e prego che vada via la luce.
All'ora e un quarto di concerto crollo. Voglio uscire dalla folla e lo faccio sapere alla mia lei che stava ballando felice pure lei. Per spirito di corpo mi segue "festosa" (avessi visto la faccia!).
Finalmente raggiungo gli spalti, sento il rumore, dieci minuti dopo il concerto è finito. 4 moccoli!
Usciamo e lei, come se niente fosse, mi dice che c'erano (anche) delle parole! Stupito, mi vedo stupito!
In macchina musica, leggera,ma musica. Arrivo a Pisa alle tre di notte e oltre a potentissimi strizzoni di pancia incontro uno con la radio e palla e musica disco in mezzo alla strada. La voglia di divellere un cartello stradale e rompergli la testa e la macchina è potentissima ma mi trattengo: gli strizzoni di pancia mi chiamano verso un bel cesso (e non una turca). Arrivato a casa e espletate le normali funzioni corporali mi addormento felice e festoso (come un cane sordo e bastonato). Almeno la notte c'è silenzio, ecco!

sabato 19 luglio 2008

Nero inchiostro

Si che la notizia è un po' vecchiotta ma: Maroni (scusate il termine) vuole prendere le improte digitali agli zingari. Quando l'ho letto per la prima volta mi son toccato per vedere se c'ero. Intendo dire che mi sembrava impossibile. Poi ho letto che anche lassù, in Europa, non in cielo (attraverso i loro rappresentanti), si sono fatti sentire e ci hanno dato dei razzisti. Noooo! Mica è vero! In fondo siamo solo noi gli unici che vogliono prendere le impronte digitali agli zingari ma PER IL LORO BENE, almeno così di dice Maroni (pardon di nuovo).
Ma lui, prima di dire di non essere razzista glielo ha chiesto cosa volessero LORO per il loro bene? Gli è stato chiesto, ad esempio, se volessero essere stabilizzati?
Noi siamo gli unici che, con questa bella manovra, intendono Stabilizzare un popolo nomade per tradizione...
magari, la prossima volta, per stabilizzarli meglio, il nostro esimo ministro vorrà anche inchiodarli a terra? (ho avuto un po' paura a scriverlo perchè casomai leggesse sto blog e ne traesse ispirazione mi sentirei pure in colpa dopo).
Altre proposte antirazziste fatte per il loro bene?

venerdì 11 luglio 2008

Il figlio del Senatùr, Renzo, bocciato per la seconda volta alla maturità. Futuro in politica, per lui?

Una volta, passi. Si può maledire la sorta, dar la colpa all'emozione, ai professori brutti e cattivi. Ma la seconda? Eppure è proprio così: Bossi jr. è stato respinto di nuovo all'esame di maturità, dove aveva presentato una tesina sul federalismo, dal titolo «La valorizzazione romantica dell'appartenenza e delle identità». Insomma, al liceo scientifico «Bentivoglio» di Tradate non hanno usato riguardi per il leader della Lega e gli hanno di nuovo bocciato il figlio. Con tanti cari saluti al federalismo e a Carlo Cattaneo. Del resto papà Umberto non può lamentarsi più di tanto, considerato che organizzò una festa di laurea fasulla spacciandosi per medico, quando invece aveva abbandonato gli studi.

E sì che dopo il fallimento dell'anno scorso in un liceo di Varese, papà Umberto aveva spedito il figlio dai preti, all'istituto religioso privato di Tradate. Niente da fare. «La tesina è solo una parte dell'esame — dice al Corriere della Sera don Gaetano Caracciolo, rettore del «Bentivoglio» — e il ragazzo ha dovuto sostenere anche 3 prove scritte e un esame orale. Non ha seguito gli studi da noi, si è presentato da privatista; non so che tipo di preparazione abbia seguito ma purtroppo la somma di tutte le prove non ha raggiunto il punteggio di 60, il minimo per la promozione». (www.libero.it)

Un solo commento: Ah Ah pff blea ah ah oddio, ah ah mi manca il fiato!

(Seriamente, anche se parlando di Bossi pare impossibile, Tale padre tale figlio!)

mercoledì 9 luglio 2008

Ministri o Minestre?

Io sono cresciuto in una famiglia che mi ha insegnato che uomini e donne sono tutti uguali, che devono avere le stesse possibilità, che le donne vanno trattate con rispetto, ma in quanto esseri umani, non in quanto esseri fragili da mantenere e proteggere. Sono cresciuto credendo che fossimo tutti uguali (anche i neri, i gay, gli asfittici e quelli che soffrono di meteorismo), che tutti dovessimo avere le stesse possibilità di carriera e di vita senza scendere a infamanti compromessi.
Crescendo ho scoperto il porno (ed è stata una bella scoperta) e ho incontrato un gruppo di amici che non credono particolarmente alla possibilità di far carriera delle donne senza cedere parti intime del proprio corpo a prezzi di mercato (la topa ad esempio, per non parlare dei pompini).
Ora, fino a una settimana fa, credevo avessero ragione i miei genitori, che credono che la carriera e il lavoro siano frutto della meritocrazia e non delle hoover capacity (ovvero la capacità di tirare bene, e non con il naso). Questo perchè proprio una settimana fa ho scoperto che invece con la hoover capacity si può tranquillamente diventare MINISTRO, o meglio ministra, addirittura delle pari opportunità!
Allora mi sento di fare un avviso a tutte le donne: "prendete esempio dall'alto: FATE I POMPINI O DONATE LA TOPA, E LA VITA VI SORRIDERA'!!"
No, dai!, sul serio ma come si fa a fare ste cose nel 2008, farsi pure prendere con il panino (?) in bocca e far fare un sacco di risate alla gente! Ma sono senza dignità!
E non si vergognano nemmeno! In un paese civile (non l'ItaGlia dunque) un ministro anche solo sospettato di uno scandalo del genere (per non parlare del premier) se ne sarebbe andato a casa con le orecchie basse come un cocker! Qui no! Qui sono tutti felici e contenti.
CONCLUSIONE DELLA SERA: la morale è: "raggiunto il fondo si può sempre scavare!"

venerdì 27 giugno 2008

InterinAli

Come ogni buon disoccupato mi reco nelle varie agenzie del lavoro (ovvero "nomi nuovi per vecchi centri di sfruttamento") e questa mattina ne ho scoperte 2 nuove: Gi group e Atempo (il nome è già un programma).
Sono migliorati!
Nelle precedenti agenzie mi hanno fatto lasciare una copia del curriculum e poi compilare il loro Form... ora, non so bene se qualcuno ha già avuto il paicere di recarsi in questi bei posti ma:
quel form del cazzo è uguale al cv che ti fanno lasciare! Io non so gli altri ma, personalmente, mi sentivo preso il culo: compilo, stampo e vi lascio un curriculum e voi mi fate scrivere di nuovo le stesse identiche cose?
Non solo siamo bestie da inserire database, pure oggetti di lazzi e sollazzi!
Servisse poi!
Mi hanno chiamato due sole volt3edalle 5 agenize del cazzo che mi sono girato e tutto perchè se ne è interessata un'amica che ci lavora, l'altra offerta era per uno stage full time e pienamente... gratis (avessi detto pompini!)!
Oggi, inoltre, mi hanno fatto un'offertona: un posto temporaneo ad un call service, quello del 1240 (forse volevano facessi il gorilla che si incula la loro scimmia del cazzo!) da raggiungere, inoltre in macchina! E io cosa ci guadagno? Oltre a rimetterci i soldi del viaggio, ad avere un'esperienza formativa che non serve a una cippa di belino, mi lascinano pure a casa dopo pochi mesi o, in alternativa, mi ricattano tutta la vita, ma senza assumermi.
Io ho veramente il massimo rispetto per i lavaoratori del call center, perchè son convinto siano brave persone, che pur di lavorare accettano anche condizioni disumane, come ben narrato da Ascanio Celestini (solo gli schiavi neri forse erano trattati allo stesso modo)!
Mi incazzo solo con quelle faccie di cazzo che hanno pure il coraggio di offrirtelo un lavoro del genere e, inoltre, ti fanno pure compilare un form che non serve a un cazzo!
Devo però fare un ringraziamento alla signorina della Atempo: non solo NON mi ha fatto compilare il form e mi ha chiesto unicamente il cv (come intelligenza vuole), ma mi ha deliziato la mattinata con la sua faccia da porcona (passatemi il francesismo) e la sua tutto sommato generosa scollatura... non mi torverà un lavoro ma è pur sempre meglio di niente!

giovedì 26 giugno 2008

In aggiunta al precedente post una bella foto...per far capire ai più

o Duri!

È strano credere di non essere più liberi di andare in giro di notte. Si possono fare sempre strani incontri.

Persone che girano dopo il tramonto, vanno vestiti in modo strano, rubano i nostri soldi, non riconoscono le normali norme del vivere civile, non hanno rispetto per gli altri, hanno pretese assurde, ritengono di poter comandare anche in casa loro. È strano come le persone si assomiglino…basta pensare a chi sono i soggetti di questo post: gli immigrati?

NO!

I leghisti! Sono loro quelli che si lamentano, che girano la notte vestiti da duri, fanno le ronde e paura ai bambini, non rispettano culture diverse dalla loro e nemmeno si sforzano di capirle, non accettano la presenza di immigrati e li dipingono come criminali quando, sicuramente, alcuni faranno dei piccoli furtarelli, ma, sono convinto, tra di loro ci sono anche persone oneste, che cercano di lavorare, accettando condizioni di vita che a noi autoctoni non stanno più bene!

Proprio ieri discutevo con un amico che mi narrava queste cose e io, disperato, cercavo di controbattere, fargli capire che tra gli immigrati c’è più o meno la stessa percentuale di criminali che tra gli italiani, anche perché furti, rapine, ecc c’erano anche venti anni fa. Semplicemente è più facile scaricare la colpa su chi non può difendersi, aiutati dalle televisioni che danno risalto unicamente ai furti e alle violenze compiute da (nell’ordine) rumeni, albanesi, marocchini. Non c’è stato nulla da fare e dopo una lite di un’ora la discussione si è chiusa con un “ma se succedesse a te, alla tua ragazza o ai tuoi familiari? Non vorresti che questa gente venisse rimandata a casa, o messa in prigione o a morte?”. Ma come si fa? Mica puoi generalizzare così! Mica si può dire “a me uno straniero ha rubato il portafogli e allora tutti a casa, per rappresaglia!” Mica perché a un singolo è stata scassinata la serratura e rubato uno stereo possiamo mettere al muro clandestini e immigrati regolari da qualsiasi nazione provengano!

Io non riesco a pensare che per colpa di uno o di pochi tutti ne debbano pagare le conseguenze!

Allora se un italiano ruba, evade le tasse o picchia la moglie dobbiamo finire tutti in galera o ci viene logico credere che debba essere punito solo il colpevole?

Io credo che tutto questo sia colpa nostra, del fatto che siamo un popolo di persone ignoranti e paurose (sicuramente lo sono quelli che hanno votato Lega) che, anzi che guardare ai propri problemi per cercare di risolverli, preferiscono incolpare lo straniero!

Tutto questo perché gli immigrati, che sono generalmente poveri disperati, ci disturbano mentre il grande evasore no, quello rubai i nostri soldi, quelli delle tasse che sono destinati a tutti (come si diceva all’inizio), ma nessuno gliene fa una colpa, perché non fa sporco, non lo vediamo bere o girare solo con aria minacciosa (o stanca?), anzi ne ammiriamo il coraggio (?), i soldi, la macchina e l’aspetto. Chissà poi perché?

venerdì 20 giugno 2008

Lavoro???

é veramente dura accettare di essere cresciuti! nel senso...è diffcile capire che l'università è finita, che sono finiti i tempi in cui facevi un po' il cazzo che ti pareva! Devo, forse, molto forse, trasferirmi nel nord-est produttivo, e questo mi spaventa! Avrei voluto continuare a fare la spola Fivizzano-Pisa per un po', volevo giocare con l'arco ancora qualche mese, passare tutto il tempo possibile con la mia lei...insomma le cose che fanno i disocuppati (forse non proprio tutti, ma buona parte, e per un certo tempo, si!). Invece scopro quasi subito che da un giorno all'altro potrebbe cambiare tutto e io non avrei nemmeno il tempo di dire bau! Ecco, questo non riesco a capirlo, a accettarlo! Non capisco, non ho mai capito, e non capirò mai, perchè una persona deve, per lavorare (cioè per poter sopravvivvere, avere qualche soldo e magari un giorno molto lontano una pensione), "snaturare" se stesso e le proprie abitudini, cambiare posto, amici, interessi, fare dei salti nel vuoto (non proprio nel vuoto ok ma qualcosa di simile!, diciamo con 2 reti sotto!).
Siamo in un paese europeo, civile (Ah ah ah ah, Pfff, no, coff coff, dai, come mi vengono...ne so una più del diavolo!) e ognuno dovrebbe poter trovare il lavoro (magari quello che vuole) senza fare fatica o senza dover vendere il culo al politico-potente di turno, e sempre se uno vuole, dovrebbe poter stare a casa sua senza problemi, senza dovere andare via, se proprio non sceglie di farlo!
Concludendo:
So di essere un cagasotto ma mi viene naturale!

mercoledì 4 giugno 2008

Alle volte il culo?!?


Vorrei far notare una cosa:
uno degli uomini più brutti e ladri di tutto il creato, er palazzinaro Stefano Ricucci (vedere foto per credere), come fa a trombarsi le meglio fie? No, vedevo ieri sera a "Scorie" Claudia Ciringhiti, quella con con cui si sposerà quest'estate,e e mi chiedevo perchè dopo la Falchi (avessi detto... un vaso) deve trovare un'altra figa stratosferica? ma come fa? ma che gli fa alle donne? LE PAGA? (Direi di Sì)
Non c'è un cazzo di giustizia a questo mondo! Quelli normali mediamente brutti fanno una fatica a trovare una ben disposta, figuriamoci una superfiga! Due fighe poi è quasi un sogno impossibile! Irrealizzabile direi! Uno come SuperStefano invece fa il filotto!Molla una figa (che ormai ha passato i trenta) e ne trova un'altra uguale, forse meglio, pure più giovane? Ma che cazzo di giustizia è? Il servo di Satana (da cui ha preso l'aspetto piacevole alla vista dei ciechi ,direi) addirittura due? Sarà mica che alle donne (molte, diciamo, per non essere qualunquista) piace il tipo criminale (vedi il mentino diviso come un culo nella foto)? o sarà che gli piacciono i soldi?
Ai posteri l'ardua sentenza insomma!

martedì 27 maggio 2008

Ma tu Guarda!

Tensione e scontri davanti all'università La Sapienza di Roma. Circa dieci studenti dei collettivi di sinistra sono stati aggrediti in Via Cesare De Lollis, nei pressi dell'ateneo, da una ventina di persone appartenenti, a quanto riferiscono gli stessi collettivi, a organizzazioni politiche di estrema destra: numerosi, a quanto riferito, i feriti, tutti tra i collettivi.
Strano, cosa ci si aspettava?? Niente! Diciamo che è andata bene, che non ci è scappato il morto. Perchè se no, al contrario, sarebbe stata tutta colpa di quelli di sinistra, sporchi, froci, coi rasta e pure liberi pensatori, mica come i fedeli camerati che picchiano senza sapere il perchè! Poveretti già me li immagino! Colpa dei comunisti che credono di poter dire sempe la loro e non capiscono che devono stare a casa e farsi i cazzi propri! Altro che proteste! Poi vedrai, ora c'è anche Allemmagna sindaco!!
Ma è normale vivere così, con queste merde nere che rialzano sempre più la testa?

mercoledì 21 maggio 2008

X Factor (fattore ICSE)

Ieri sera (costretto) guardavo X factor e mi chiedevo se il fattore x è una cosa che garantisce il successo solo a chi sa cantare bene. Io non credo sia giusto limitare l'x factor solo a chi sa utilizzare meglio di altri le proprie corde vocali e ha il culo di andare a farsi guardare dalla gente in tv. Per cui, nel dormiveglia, mi sono proposto di fare una lista di persone che c'hanno l'x factor e che meriterebbero lo stesso spazio in tv dell'omonimo programma. Ecco qui l'elenco:
  1. quelli che sanno fare SUPERCALIFRAGILISICHESPIRALIDOSO con un rutto solo (o in alternativa dicono tutto l'alfabeto);
  2. quelli che riescono a scrivere il proprio nome e cognome con la pipì per terra;
  3. quelli che riescono a far far la ola ai propri peli del culo con una scoregia;
  4. quelli che aiutano i vecchi ad attraversare la strada e poi li lasciano a metà quando passa un tir, che però sterza per evitare il nonno\a e li centra in pieno;
  5. quelli che quando sputano, se prendono un vetro con un catarro, lo rompono;
  6. quelli che cadono dal terrazzo durante una gara di sputi;
  7. quelli che fanno una frenata di 8 mt nelle mutande dopo una scureggia vestista;
  8. quelli che rompono un timpano alla fidanzata perchè mentre cercano di sussurrarle; all'orecchio parole dolci fanno un rutto cosmico (intonazione cavernosa);
  9. quelli che hanno l'orgasmo e la fase rem così attaccate che non riescono a farcela e si addormentano sopra la propria fidanzata 10 secondi dopo essere venuti;
  10. quelli che bevono 20 litri di birra poi passano tutta la sera a pisciare contro i muri;
  11. come la dieci solo che dopo aver bevuto fanno un rutto che richiama un orso in amore che vuole accoppiarsi con lo sfortunato;
  12. .... chi vuole può continuare!

venerdì 16 maggio 2008

Ne ho scoperta una nuova: il nostro nuovo ministro La Russa (Rutta) (di A.N., no dico!) ha deciso, per ovviare al problema sicurezza di proporre che fosse l'esercito a pattugliare le città...l'esercito!Mi vien da chiedermi se non sia il preavviso di Putsch (o magari di chiamata). Ma l'esercito? Cazzo di proposte sono? No davvero, poi da uno di A.N. io avrei paura, come minimo dopo i giri di ronda tutti i soldati riceveranno l'ordine di dirigersi sul Parlamento per chiuderlo, così per farl qualcosa! Ma sono io che esagero osti qui son più scemi (e fasci) di quelli di prima?

giovedì 15 maggio 2008

Non è molto ma...

http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/cronaca/strage-loggia/strage-loggia/strage-loggia.html
Non è molto ma è partito un processo che si spera inchiodi alcuni signori di tendenze, oggi si direbbe democratiche, in quanto sternui difensori dell'onor di patria! Si sa bene, del resto, che le cose non stanno proprio così e quindi solo dire: AUGURI! Perchè porta una sfiga tremenda, e poi sperare che la forza sia con loro...i giudici intendo!
Beh allora a vOi in bocca lupo, nel senso di spero propio che il lupo vi trovi e facciate la fine di cappuccetto rosso e della nonna, ma con il cacciatore che si perde nel bosco e non lo trova più nessuno!

mercoledì 14 maggio 2008

La messa è finita, levatevi dai coglioni

Nell'intento di diffondere il verbo di Don Zauker pubblico il manifesto d'intenti di quel magnifico sito:

Voi,
i cristiani, gli ebrei, i musulmani, i buddisti, gli scintoisti, gli avventisti, i panteisti, i testimoni di questo e di quello, i satanisti, i guru, i maghi, le streghe, i santoni, quelli che tagliano la pelle del pistolino ai bambini, quelli che cuciono la passerina alle bambine, quelli che pregano ginocchioni, quelli che pregano a quattro zampe, quelli che pregano su una gamba sola, quelli che non mangiano questo e quello, quelli che si segnano con la destra, quelli che si segnano con la sinistra, quelli che si votano al Diavolo, perché delusi da Dio, quelli che pregano per far piovere, quelli che pregano per vincere al lotto, quelli che pregano perché non sia Aids, quelli che si cibano del loro Dio fatto a rondelle, quelli che non pisciano mai controvento, quelli che fanno l’elemosina per guadagnarsi il cielo, quelli che lapidano il capro espiatorio, quelli che sgozzano le pecore, quelli che credono di sopravvivere nei loro figli, quelli che credono di sopravvivere nelle loro opere, quelli che non vogliono discendere dalla scimmia, quelli che benedicono gli eserciti, quelli che benedicono le battute di caccia, quelli che cominceranno a vivere dopo la morte…
Tutti voi,
che non potete vivere senza un Papà Natale e senza un Padre castigatore.
Tutti voi,
che non potete sopportare di non essere altro che vermi di terra con un cervello.
Tutti voi,
che vi siete fabbricati un dio “perfetto” e “buono” tanto stupido, tanto meschino, tanto sanguinario, tanto geloso, tanto avido di lodi quanto il piu’ stupido, il piu’ meschino, il piu’ sanguinario, il piu’geloso, il piu’ avido di lodi tra voi.
Voi, oh, tutti voi
NON ROMPETECI I COGLIONI!
Fate i vostri salamelecchi nella vostra capanna, chiudete bene la porta e soprattutto non corrompete i nostri ragazzi.
Non rompeteci i coglioni, cani!

François Cavanna

(da www.donzauker.it)

Un po' di tristezza...ma poi passa!

Oggi è ufficialmente la fine di un'epoca d'oro, quella dello studente.
Mi sono ufficialmente laureato (con 105, la solita cacca!).
Beh da oggi in poi la mia vita cambierà e radicalmente, da oggi non sarò più uno studentello sbarbato...nel senso che resterò sbarbato ma sarò un disoccupato senza peli sulla faccia.
Dura da mandare giù.
Spero solo che sarà sempre meglio, meglio di così insomma.
Mi chiedo anche se sia questo essere felici, ma a me in fondo piace così anche così!Non riesco a stare senza pensare, credo anche che tra poco, quando avrò riposato starò meglio.
Una cosa però voglio dirla subito:
Ho degli amici fantastici, che mi sono stati veramente accanto e mi hanno fatto sentire il loro affetto.
Un grazie anche alla mia anima gemella che si è dimostrata un utlie supporto, indispensabile come sempre, sempre perfetta quando ne ho veramente bisogno! L'amore non è mai per caso, grazie!
E infatti ora mi sento già meglio!

giovedì 8 maggio 2008

Come dicevo ieri bastava aspettare. Sarebbe uscita una fine mielosa per i fatti di Verona e infatti basta leggere la fine dell'articolo che linkerò per capire che razza di criminali vivano nella Verona "bene" e come la realtà possa essere facilmente distorta:
http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/cronaca/pestaggio-verona-2/pestaggio-verona-2/pestaggio-verona-2.html

mercoledì 7 maggio 2008

5 maggio

Il 5 maggio a Verona è morto un ragazzo, uno che, credo, passasse di lì.
5 giovani criminali neofascisti lo hanno massacrato. Beh niente da dire. La cosa che più da fastidio è pensare che presto o tardi sentiremo dire che a Verona non sono tutti così, che forse si trattava solo di cinque piccole e insignificanti schegge impazzite. Questo nel migliore dei casi!
Beh non è vero! A Verona SONO tutti così! Sono fascisti, razzisti, ecc. Il peggio del peggio. Vorrei solo che non sentire più dire che non sono tutti così! Quando si tratta di ultras dell'Hellas beh, nel migliore dei casi sono fascisti, sono sempre loro che fischiano i giocatori di colore, che mostrano svastiche e croci celtiche, che fanno il saluto romano; se si tratta di bruciar negri, rom, fare la ronda, dare sostegno alla lega e tutte le cose più fasciste del mondo, si sente parlare solo di Verona. I più fulgidi esempi di patriottismo e cameratismo li troviamo lì, in quella specie di paese dei balocchi. Come si fa a dire che non sono tutti così? Si dica almeno che la stragrande maggioranza è così!
Non mi stupisco che sia finita con un morto e non voglio sottolineare che se gli assasini fossero stati neri o un rumeni sarebbero stati cavoli, forse li avrebbero lapidati altrimenti bruciati tipo KKK.
In questi casi non ho pietà, mi piacerebbe che si usasse il gas (l'arena non vorrei venisse distrutta), un genocidio comprensibilie (se possibile!).
Posso solo sperare che ai veronesi (e ai 5 criminali chiaramente) capiti il peggio possibile. Per loro credo che le alternative siano poche ma ne elencherò alcune:
- ai padri fascsti: auguro che un giorno arrivi vostra figlia e vi presenti MANDINGO, un nero, comunista, magari ebreo, ma sicuramente bisessuale pentito! Che vi chieda il permesso di sposarlo e che presto o tardi la sentiate dire che le leggende sulla fava dei neri, beh non rendono giustizia alle reali dimensioni.
- ai giovani fascisti: la stessa cosa ma con la fidanzata. La variante finale: quando uscirete di casa per organizzare una spedizione punitiva contro il suddetto nero che ha osato portarvi via la ragazza, veniate presi sull'uscio di casa da un manifestazione non autorizzata di omossessuali e, infine, sadicamente impalati (non proprio con i pali di legno ma con quelli di carne). Se tutto questo non vi basta beh, giratevi e guardate bene: un rumeno vi starà sicuramente pisciando sull'uscio di casa!
Tutte queste cose, e anche peggio, di sicuro non succederanno quindi dobbiamo imparare qualcosa da questa lezione: (citando a braccio): se andate a Verona e avete i capelli lunghi beh, mettetevi un cappello, potrebbero ammazzarvi!

venerdì 2 maggio 2008

Ci sono cose che non capisco: la ferrea polemica di questi giorni sulle dichiarazioni dei redditi pubblicate sul sito dell'agenzia delle entrate. Ora il "garante" della privacy ha fatto un casino e io dico: ma perchè?
Mica che voglia sommessamente far capire che il garante della privacy è solo un rompicoglioni che parla per ricordare che è vivo (lungiu da me!); no, penso solo che in un paese con il più alto tasso di evasione al mond...al mondo, si va bene!, ecco pubblicare i redditi on line, per quanto la cosa possa diventare incontrollabile, possa portare a un controllo dal basso: tutti conoscerebbero la situazione degli altri e nessuno potrebbe più dir cose come ma io non ho una lira!
Io vivo (sigh!) in un piccolo paese in cui tutti conoscono tutti e sanno i fatti di tutti. Ecco, vorrei proprio sapere che fine fanno i soldi dei miei vicini evasori, vorrei vedere che cazzo ci scrivono nel caro vecchio 740! Da oggi posso farlo...non è fantastico? Potrei dargli degli evasori a ragion veduta! Magari sbaglio ma un volta che si può dire bravo Visco (!) è giusto farlo e ricordare al garante della privacy che per privacy si può anche intendere farsi i cazzi propri!

mercoledì 30 aprile 2008

Ho letto ora sul sito di Libero (non quello di Feltri, quello della posta): "Lele Mora chock: volevo suicidarmi ora mi mando gli sms da solo".
No, dico io! Ma chi STRACAZZO se ne frega? Vorrei spezzare dunque una lancia nelle costole di Lele Mora: aiutiamolo a suicidarsi, così se ne parla qualche giorno e poi basta! In questo modo, dopo un anno che lo hanno beccato con il panino in bocca, avremmo la possibilità di sentir parlare d'altro...ora non dico Amici (del cazzo) della De Filippi, semplicemente di qualcosa che renda il livello culturale del paese più alto! Non ci vorrebbe molto dunque, già un articolo sulle foche monache libanesi (che non esistono) sarebbe più interessante! Figuriamoci un'analisi politica seria sugli accadimenti successivi alle ultime elezioni poi! Sarebbe addirittura il massimo!

giovedì 24 aprile 2008

Fegato Centenario

Io mi accascio al mattino per problemi di intestino
Non so proprio cosa fare, cacca e rutti a tutto andare
Mi sussurra il mio duodeno: "ma sei diventato scemo?"
Gli rispondo: "per piacere, parla tu col mio clistere"
ACQUA BOARIO, FEGATO CENTENARIO
Preso da una convulsione ho perduto anche un polmone
Quindi ho preso l'archibugio, l'ho incassato nel pertugio
Non sapendo cosa fare sono andato a vomitare
Sono stato un po' violento, ho imbrattato il pavimento
ACQUA BOARIO, FEGATO CENTENARIO
Oggi l'utlima (spero) puntuale brutta esperienza di un fallimento di carriera di tesista-storico. Miei fedeli angeli "neri" vi ringrazierò venendo a scrivere "GRAZIE" con la pipì sulla vostra tomba!

mercoledì 23 aprile 2008

Apro questo blog con un racconto cattivo, tanto per rimanere fedeli al nome del blog stesso:
Era sera, in un bar, una bella ragazza che forse conoscevo mi viene incontro, si avvicina, mi sorride e mi parla...
incredibile anche per me! Ci sta provando! Lei parla, a me non me ne frega un cazzo ma ascolto. Sono sempre stato uno sfigato, uno di quelli che abitano dall'altra parte dell'isola, uno di quelli che le fighe manco li cagano, figurati se li salutano, meno ancora ci parla. Allora penso, una volta che succede un miracolo devo sfruttarlo bene! RiPenso solo che non devo fare-dire cazzate, andrà tutto bene, ce la farò e dopo anche io sarò nell'olimpo degli eletti, di quelli a cui va sempre tutto per il verso giusto, uno di quelli che "lo salutano sempre tutti", di quelli che girano con gli occhialoni e la macchina carica di fighe! Si ,dopo questa conquista anche io sarò così! Sarò un sacco di cose, sarò uno di quelli GIUSTI...uno da Reality ecco! Lei intanto parla parla, come un fiume in piena. Io faccio la faccia interessata, in verità penso. Penso ai fatti miei, guardo lei e credo di conoscerla, la guardo meglio e scopro che si! Era anche lei una di quelle che avevo guardato per anni, chiaramente mai ricambiato! Lei parla, io penso, penso a cos'è cambiato in me dico, per interessarle così tanto, per far colpo su una che non mi ha mai degnato di uno sguardo! Bof, rinuncio e penso che sarà in calore (devo pensarlo e basta, non chiederlo come al solito, se no sarà un casino, rimarrò il solito stronzo di sempre e non mi pare il caso!). Lei è veramente celebrolesa, sarà anche fatta bene-benissimo ma se la portano alle olimpiadi degli scemi arriva di sicuro seconda (troppo scema per arrivare prima). Mi parla della sua futile e inutile vita, fatta di vestiti, amori troppo belli per essere veri (per me infatti sono finti), sentimenti profondi come un bicchiere da amaro pieno di pipì! é un casino, non mi trattengo più, devo massacrarla!!!Devo farle capire che è scema, devo farlo! Mentre combatto per trattenermi mi proprone di andare da lei a continuare la discussione (ma mi ha preso per scemo?).
Vado, come un automa, ringrazio che sia successo in tempo, prima che io facessi cazzate!Bene Bene! Sicuramente troMbo!
Infatti si va da lei, e va come dico io! Il sesso con il minicervello è tipo film porno, io però non mi diverto. Bof! Poteva andare peggio! Da domani, con ancora un piccolo sforzo di sfintere sarò dalla parte giusta della strada, dell'Isola, di quello che vi pare, sarò tutto quello che non sono mai stato! Da domani anche IO! Beh è finita, nella mia mente sono quasi felice!, non ho fatto cazzate! Poi uno spiffero nel collo, la guardo come mai fatto prima! Lei mi guarda adorante. Mi chiede: "Ti è piaciuto?" Altro spiffero! Non dire cazzate, penso! Troppo tardi, sulla c sono già andato!
"No guarda, scusa! Beh per il sesso, si insomma...ho avuto di meglio ecco! Poi guarda sei SceMa, fattene una ragione! Io con te resisto cinque minuti, dopo mi viene voglia di metterti un calzino in bocca! Ti do un consiglio, anzichè comprarti vestiti e scarpe comprati un libro, magari ti è utile, magari impari a leggere e scrivere, non solo a trombare in giro come un cane randagio!
Io purtroppo non sono fatto per te, nel senso che sonnìo troppo! Beh addio!"
Raccolgo i miei stracci e me ne vado, un minuto e sono già fuori dalla porta, colpirne uno insomma, si avete capito! Non servirà un cazzo ma ora mi sento meglio, più libero e rilassato! Un altro uomo ecco! Uno di quelli che hanno scelto di vivere per sempre dalla parte sbagliata dell'Isola. Beh quella notte ho dormito sereno!